La polizia britannica riapre il caso dell’omicidio di Naji al-Ali

In un articolo apparso ieri sulla versione online inglese, al-Jazeera ha reso noto che la polizia britannica ha diramato un appello affinchè chi sia in possesso di informazioni sull’omicidio di Naji al-Ali si faccia avanti. A 30 anni dalla morte.

Naji al-Ali, palestinese, vignettista, è noto per essere l’autore di Handala, il bambino rifugiato palestinese che viene sempre raffigurato di spalle e che negli anni è diventato il simbolo del diritto negato dei palestinesi al ritorno nella propria terra.

Handala

Naji al-Ali, che nelle sue vignette criticava sia la leadership dell’OLP, sia il governo israeliano, negli anni aveva sempre ricevuto moltissime minacce di morte. Finchè non era morto davvero, il 22 luglio 1987, ucciso mentre si recava a lavoro, nella capitale britannica dove aveva trovato asilo.

Aveva solo 51 anni e la sua morte fu un duro colpo per i palestinesi e per tutta la comunità di scrittori e artisti palestinesi (lo ricorda benissimo Murid al-Barghuthi nel suo bel memoir Ho visto Ramallah, per esempio, come ricorda anche Ghassan Kanafani, altro intellettuale palestinese ucciso non si sa bene da chi – che all’epoca aveva solo 36 anni).

Gli avevano sparato mentre era di spalle, come dei vigliacchi. Le cronache riportano che dei testimoni oculari videro un giovane sui 20 anni, dai tratti mediorientali, sparargli e poi fuggire. Un altro uomo, sempre all’apparenza mediorientale, era stato visto nascondere qualcosa, forse un’arma, nel cappotto e poi infilarsi in un’auto posteggiata nelle vicinanze. Dell’omicidio era stata accusata l’OLP, ma anche il Mossad.

Osama al-Ali, figlio del vignettista, ha detto alla polizia che, all’epoca, persone influenti preferirono non rivelare informazioni sulla morte del padre.

Il capo dell’anti-terrorismo londinese, Dean Haydon, ritiene che in 30 anni molte cose possano cambiare. Anche le alleanze. E così, chi 30 anni fa era stato fedele a una fazione, o a una linea operativa, ora potrebbe avere cambiato idea e aiutare così la polizia a dipanare i fili di un’indagine lasciata inconclusa. Forse volutamente.

Per leggerne di più, qualche anno fa è uscito questo testo:383279_521649987893338_1358787679_n

2 commenti

    • con tutto il rispetto, al-Jazeera è una fonte come un’altra. La stessa notizia è stata riportata anche dal New York Times e dalla CNN. Ho citato solo al-Jazeera perchè il loro articolo è stato il primo – che riportava la notizia – in cui mi sono imbattuta ieri sera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...