Olivia Elias, poetessa – economista palestinese

Qualche settimana fa, la poetessa ed economista di origine palestinese Olivia Elias è stata ospite di alcuni reading a Salerno e Napoli.

Annamaria Bianco ha partecipato al reading napoletano e lo ha voluto raccontare per i lettori di editoriaraba. La poesia che trovate nel post è gentilmente concessa da Olivia Elias.

Testo e foto di Annamaria Bianco

Olivia Elias è un’autrice di origine palestinese nata ad Haifa, che ha conosciuto l’esilio sin dalla tenera età, prima in Libano, poi a Damasco e infine in Canada, dove attualmente vive.

livret_poemes_olivia eliasEconomista di formazione, ma poetessa nell’anima, ha cominciato ad occuparsi dell’aspetto economico dell’occupazione israeliana (Palestine occupée, la colonisation à marche forcée, AFPS*, 2013 ; Le dé-développement économique de la Palestine, AFPS,  2013;), per poi pubblicare le sue raccolte di versi e dare finalmente voce a quel legame più intimo che la unisce alla sua terra natìa (Je suis de cette bande de sable, AFPS 2013; L’espoir pour seule protection,  alfAbarre, 2015).

I suo versi, ancora inediti in italiano, sono stati tradotti per la prima volta da Giancarlo Cavallo in occasione dei reading organizzati dalla Casa della Poesia di Salerno, fondazione che ospita spesso autori arabi, fra cui la poetessa siriana Maram al-Masri.

L’ultimo incontro si è svolto a Baronissi il 19 febbraio e ha preceduto quello del 25 febbraio al Ristorante Arabo Amir, a Napoli. Esattamente quel giorno, infatti, il locale napoletano ha ospitato la poetessa, che ha recitato le sue poesie dinanzi al pubblico, alternandosi con le versioni italiane interpretate dalle attrici Lina Esposito e Luisa Guarro.

olivia elias pic

I suoi componimenti sono redatti in francese – lingua nella quale ha sempre studiato sin da bambina dalle suore beirutine – e hanno il merito di rendere universale la questione palestinese, rievocando tanti altri drammi della storia, mentre paragonano Gerusalemme a Fukushima o alla Corea del Nord. Eppure, se da un lato c’è chi vuole trasformare la Palestina nel “ghetto del Mediterraneo”, lei continua a cantarne, come tanti altri, la sua “bellezza ardente”.

La serata, trascorsa fra musica, poesia e tè, si è conclusa con un poema in omaggio a Mahmud Darwish,”Ti saluto, Mahmud Darwish” e la lettura da parte di Omar Suleiman – proprietario del locale nonché attore – di ‘Ala Hadhihi al-Ard (Su questa terra), un vero e proprio inno alla vita.

*Association France Palestine Solidarité

***

POUR LES ENFANTS DE PALESTINE, Olivia Elias

Ils sortent des vases et des bas-reliefs antiques

prennent leur élan et s’élancent

Une douleur lancinante les tient éveillés

au creux de la nuit et lorsqu’il s’assoupissent

ils rêvent d’une vie en pleine lumière

Mais chaque aube apporte la trahison des promesses

 

Peut-on conquérir l’Eden par le glaive et le feu ?

Dans la main des enfants les pierres de la colère disent le refus

 

Et s’il ne restait aucune pierre

les enfants de Palestine souffleraient

dans leurs mains jusqu’à ce que les vents

du désert se lèvent et emportent l’édifice

construit sur le mépris sanglant

 

PER I RAGAZZI DELLA PALESTINA, Olivia Elias (trad. di Giancarlo Cavallo)

Escono dai vasi e dai bassorilievi antichi

prendono il loro slancio e si lanciano

Un dolore lancinante li tiene svegli

nel pieno della notte e quando si assopiscono

sognano una vita in piena luce

Ma ogni alba porta il tradimento delle promesse

 

Può conquistarsi l’Eden con la spada ed il fuoco?

Nelle mani dei ragazzi le pietre della collera dicono il rifiuto

 

E se non restasse nessuna pietra

i ragazzi della Palestina soffierebbero

nelle loro mani fin quando i venti

del deserto si alzeranno e porteranno via

l’edificio costruito sul disprezzo

insanguinato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...