video Suad Amiry: l’ironia come strumento per sopravvivere

sharon è mia suoceraCome avevo scritto qui qualche settimana fa, Suad Amiry – scrittrice e architteto palestinese – è stata ospite dell’Università Cà Foscari di Venezia, invitata dalla Professoressa E. Bartuli, del Master MIM (Mediazione InterMediterranea).

Qui sotto trovate il video integrale dell’intervento di Suad Amiry. Dura poco più di un’ora, ma se avete tempo, e conoscete un po’ di inglese, vi consiglio spassionatamente di guardarlo per tutta la durata.

Ne emerge un bellissimo ritratto dell’autrice di Sharon e mia suocera: quello di una donna intelligente, brillante ed incredibilmente ironica e spiritosa. Senza peli sulla lingua e dotata di una mimica facciale e una gestualità corporea da far invidia agli attori più affermati, Suad Amiry ha raccontato la sua storia, dalla nascita in una famiglia di rifugiati, a come si è ritrovata a diventare scrittrice durante l’occupazione israeliana di Ramallah, la sua città, in cui oltre a soffrire per la presenza dei militari, ha dovuto sopportare “l’occupazione domestica” dell’anziana suocera, venuta a casa del figlio per stare più al sicuro.

Il “frutto” di questa doppia occupazione sono state le email confidenziali che Suad Amiry scriveva la sera agli amici, per sfogarsi della presenza ingombrante della suocera. Email che poi, come per magia, si sono trasformate in una telefonata ricevuta dall’editore Feltrinelli (che ad oggi ha pubblicato tutti e quattro i libri dell’autrice): “Feltrinelli, e chi è?”, ha raccontato ridendo l’autrice, “pensavo fosse il nome di un Paese lontano, dell’Africa o dell’Asia!”.

Ed è proprio questa naturale ironia che traspare nei suoi libri. L’ironia, dice, è l’unico strumento che noi palestinesi abbiamo per proteggerci e per sopravvivere al dualismo asfissiante che ci soffoca, quello che contrappone i due unici veri poli del discorso israelo-palestinese: l’occupante e l’occupato.

Suad Amiry ha anche rivelato che entro l’anno uscirà il suo quinto libro, che si intitolerà Golda slept here (Golda ha dormito qui), in riferimento alla premier israeliana Golda Meir. Il focus del nuovo libro è il concetto di casa e il rapporto che gli uomini creano con le proprio case: il luogo di svolgimento la Palestina del 1948, quando centinaia di migliaia di persone furono costrette ad abbandonare le proprie case, portando con loro solo pochi oggetti, memorie e ricordi di una vita che non sarebbe mai più tornata.

Buona visione.

Ringrazio Giacomo per avermi segnalato il video e un grazie virtuale va allo staff di Cà Foscari che avendo messo su youtube il video, ha permesso a chi come me non era quel giorno a Venezia di godere di questo bellissimo incontro.

3 commenti

  1. […] Segnalo per i lettori romani&affini che al Teatro di documenti di Testaccio è in cartellone nei prossimi giorni uno spettacolo sulla Palestina, che mi dicono essere (liberamente?) tratto da Sharon è mia suocera, il libro-testimonianza della scrittrice e architetto palestinese Suad Amiry. […]

  2. […] L’ultima volta che era stata in Italia, ospite dell’Università di Venezia, Amiry aveva per l’appunto parlato di questo libro, in cui, aveva detto, il focus privilegiato è sul “concetto di casa e il rapporto che gli uomini creano con le proprio case: il luogo di svolgimento è la Palestina del 1948, quando centinaia di migliaia di persone furono costrette ad abbandonare le proprie case, portando con sé solo pochi oggetti, memorie e ricordi di una vita che non sarebbe mai più tornata”. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...