Aspettando l’Arabic Booker 2013: qualche riflessione e sinossi dei 16 romanzi in gara

Arabic Booker 2013, manca poco per la penultima tappa. Tra 5 giorni sapremo i titoli che andranno a comporre la rosa dei sei finalisti.

copertina ipaf

Se non sapete di cosa parlo, rinfrescatevi la memoria qui

(in poche parole: l’Arabic Booker, anche abbreviato IPAF dall’acronimo inglese, è forse la più importante competizione annuale per la letteratura araba contemporanea, in cui concorrono romanzi scritti in arabo e pubblicati negli ultimi 12 mesi.

Moltissimi dei romanzi entrati tra i finalisti vengono successivamente tradotti nelle principali lingue europee, inglese in primis. Una critica che spesso viene mossa agli editori internazionali è che, nel tradurre i romanzi contemporanei arabi, facciano eccessivo affidamento sui titoli usciti dall’Arabic Booker.

Spesso, anche sulle pagine di questo blog si sono criticate le scelte di alcuni editori italiani, soprattutto i principali, che hanno privilegiato romanzi arabi già famosi perchè nel novero dell’IPAF, escludendo altri meno conosciuti, che avrebbero altrettanto meritato di essere tradotti e portati al pubblico italiano. Premio è sinonimo di qualità? Credo che i giudici più disinteressati e onesti siano, come sempre, i lettori).

In attesa di sapere i sei titoli finalisti, facciamo dunque la conoscenza con i 16 ancora in gara. Per adesso accontentiamoci di queste poche righe, quando si sapranno i nomi dei finalisti ne scriverò in maniera più approfondita.

Posso solo aggiungere che se è vero che la letteratura racconta ciò che la Storia tace o nasconde, leggendo le sinossi di questi romanzi non rimarrete delusi: dalle analisi sul ruolo delle religioni, all’incontro con l’Altro non arabo, dal tema dell’identità perduta a quello della migrazione, dalle riflessioni su guerre civili e autoritarismi arabi, il quadro finale non potrebbe essere più completo ed interessante.

Di sicuro avrebbero potuto entrare nella rosa dei 16 molti altri romanzi validi (di uno di questi vi parlerò nei prossimi giorni), e forse i giudici avrebbero potuto fare uno sforzo in più per dare maggiore rappresentanza alle donne (sic!), ma devo ammettere che leggendo i riassunti dei romanzi selezionati sono rimasta incuriosita da più di uno, e la mia personale rosa finale già l’ho composta nella mia mente. In effetti ho anche una copertina preferita! Forse avrei dovuto scrivere un post solo sulle copertine, o no?

***

ALGERIA

The-Goatherd-by-Amin-ZaouiIl capraio, Amin Zaoui

Romanzo che oscilla tra lo storico e il fantastico e che si interroga sul rapporto con l’Altro (trae spunto dalla conversione all’Islam di tre donne francesi di religione cattolica, che decidono di convertirsi sulla base di motivi che nulla hanno a che vedere con la spiritualità) e sui “mercanti” della religione, in un mondo arabo oramai sprofondato nella corruzione e nell’ipocrisia.

waciny laredj - le dita di LolitaLe dita di Lolita, Waciny Laredj

Protagonisti sono gli intellettuali arabi in esilio, prima perseguitati dai regimi autoritari e poi, dagli anni ’90 in avanti, dai fondamentalisti.

ARABIA SAUDITA

copertina libroIl castoro, Mohammed Hassan Alwan

Il romanzo è narrato in prima persona dal protagonista, Ghaleb, rampollo di una ricca famiglia saudita conservatrice, figlio del primo matrimonio fallito del padre, verso cui sente di aver mancato tutte le aspettative. Non amato dalla madre e dai fratellastri, abbandonati gli studi, Ghaleb si ritrova a ricoprire il ruolo di amante clandestino della donna di cui è innamorato che, a causa della sua inettitudine, è andata invece in sposa ad un ricco diplomatico. Il romanzo prende avvio in Oregon, luogo di un esilio volontario, dove la visione di un castoro in un parco della città è l’espediente narrativo che consente all’autore di riandare indietro con la memoria ai ricordi sulla sua famiglia e sulla vita passata a Riyadh.

EGITTO

Toya-by-Ashraf-El-AshmawiToya, Ashraf El-Ashmawi

Un romanzo definito dall’Egypt Independent una “fiaba disneyana”. Ambientato negli anni ’70, ha per protagonista un giovane figlio della borghesia egiziana, che si trova per lavoro ad andare in Kenya dove si innamora di una donna locale. Il romanzo si interroga sulla questione dell’identità, dell’appartenenza e della lealtà.

mawlana

Il nostro signore, Ibrahim Eissa

Il romanzo affronta il tema, assai controverso, degli sheykh che predicano e diffondono il messaggio dell’Islam dai canali televisivi satellitari arabi e islamici, un fenomeno molto recente che dal 2010 ha registrato un vero e proprio boom di utenti. Nel romanzo, Eissa racconta come questi canali di religioso abbiano ben poco e siano invece fortemente intrecciati con il potere politico, la finanza e le forze di sicurezza degli stati. Il circolo vizioso religione-potere-politica che l’autore tratteggia nel romanzo svela il lato nascosto degli sheykh e denuncia come questi abbiano utilizzato la religione per scopi diversi da quelli dichiarati.

The-Return-of-the-Sheikh-by-Mohammed-Abdel-NabiIl ritorno dello sheykh, Mohammed Abdel Nabi

Romanzo narrato in forma circolare che segue le vicende del protagonista, Ahmed Rajaa’i.

KUWAIT

The-Bamboo-Stick-by-Saud-AlsanousiGambo di bambù, Saud Alsanousi

Romanzo che racconta le difficoltà dei lavoratori asiatici in Kuwait. Il giovane José, nato dal matrimonio segreto di una domestica filippina con un giovane kuwaitiano presso cui la prima era a servizio, al compimento della maggiore età decide di tornare in Kuwait, da cui il padre alla nascita lo aveva mandato via…

IRAQ

Ave-Maria-by-Sinan-AntoonAve Maria, Sinan Antoon

I due protagonisti, Youssef e Maha, sono due cristiani iracheni che per un gioco della sorte condividono lo stesso alloggio nella città di Baghdad. Le loro visioni sulla vita e sull’Iraq però non potrebbero essere più diverse: l’uno vuole rimanere nel paese perchè troppo legato al passato e ai ricordi, l’altra vorrebbe andarsene da un Iraq in cui sente di non avere più nulla.

I giardini del Presidente, Muhsin al-Ramli

muhsin al ramli_giardini del presidenteAmbientato durante gli ultimi 50 anni di storia dell’Iraq, il romanzo segue le vite di tre amici, tre normali cittadini, in un paese alle prese con l’invasione del Kuwait, la guerra del Golfo e l’occupazione americana.

LIBANO

barakatbook 2Il regno di questa terra, Hoda Barakat

Il romanzo è ambientato sul Monte Libano all’interno di una comunità maronita, tra i primi del ‘900 e qualche anno prima dello scoppio della guerra civile libanese. Un territorio popolato da santi, miti, leggende e religioni, i cui abitanti vivono così in alto da sentirsi, orgogliosamente, quasi in paradiso, da cui il titolo.

 jana el hassan copertina viola grandeIo, lei e le altre, Jana Elhassan

Sahar, la protagonista del romanzo, si sente intrappolata in un matrimonio sbagliato, proprio come accaduto a sua madre che mai avrebbe voluto emulare. Per fuggire dalla realtà opprimente, si costruisce un alter ego immaginario in un mondo di fantasia dove può finalmente trovare se stessa.

The-Birds-of-the-Holiday-Inn-by-Rabee-Jaber-cropGli uccelli dell’Holiday Inn, Rabee Jaber

Gli eventi narrati si svolgono all’alba della guerra civile libanese, nel biennio 1975-76. Attraverso le storie dei protagonisti che vivono in un palazzo di Ashrafieh, quartiere di Beirut, l’autore ci comunica le loro paure e il loro isolamento, e il caos di quei primi drammatici mesi di guerra.

Sinalkol, Elias Khoury

khoury_sinalcolAmbientato durante la guerra civile libanese, il romanzo ci consegna un ritratto importante della società libanese di cui l’autore evidenza la perdita dell’individualità e dei valori.

PALESTINA

Giaffa prepara il caffè del mattino, Anwar HamedCover-of-Jaffa-Prepares-Morning-Coffee

Romanzo sulla Palestina degli anni Quaranta, prima della fondazione dello Stato di Israele. L’autore dipinge un quadro delicato della vita degli abitanti della città di Giaffa, cristiani, musulmani ed ebrei, alle prese con le piccole cose della quotidianità: il Natale, gli sposalizi, le visite ai parenti…

Lanterns-of-the-King-of-GalileeLe lanterne del Re della Galilea, Ibrahim Nasrallah

Il romanzo segue la vita e le gesta di colui che ancora oggi è considerato il pioniere dei movimenti arabi di liberazione dall’occupazione straniera: Dhaher al-Omar, che stabilì un regno arabo nella Palestina del tempo (1689-1775).

TUNISIA

His-Excellency-the-Minister-by-Houssein-Al-WadSua Eccellenza il Ministro, Hussein al-Wad

Un insegnante tunisino diventa incredibilmente ministro ed è testimone della corruzione che dilaga nel paese, di cui però alla fine cade vittima anch’egli.

7 commenti

  1. […] Secondo il comunicato stampa diffuso dalle due fondazioni, Le castor (Seuil, febbraio 2015; tradotto dall’arabo da Stéphanie Dujols), questo il titolo del romanzo vincitore, è stato votato dalla giuria a grande maggioranza. È l’ultima fatica letteraria di Mohammed Hasan Alwan, nato a Riyadh nel 1979 e oggi residente in Canada, a Ottawa, che ha già all’attivo una raccolta di racconti, un saggio sulla migrazione e altri tre romanzi. Il castoro è il suo primo libro ad essere tradotto in francese ed è anche il romanzo che l’ha portato ad essere finalista al Premio internazionale per il romanzo arabo nel 2013 (il cosiddetto Booker arabo). La trama ve l’avevo raccontata in questo post: […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...