Top ten dell’arabista/4

La top ten della mia amica Pamela, arabista, collega di università, nonché compagna di viaggio in Arabismo. Una lista che presenta molte scrittrici e una piccola sorpresa italo-algerina che esce un po’ fuori dal coro, a metà tra letteratura araba, italiana e migrante. Come al solito, buone letture!

Top ten arabista di Pamela Stellatop 4

  1. Ghada Samman – Un taxi per Beirut (trad. dall’arabo di Samuela Pagani)

Il mio primo amore, scoperto all’Università. Libro-vaticinio della guerra civile libanese, e solo per questo dovrebbe essere letto, almeno per comprendere il potere della letteratura! Ma c’è di più, un taxi collettivo, un sogno comune: arrivare a Beirut! L’entusiasmo iniziale lascia subito il passo alla delusione: i protagonisti si scontrano con una finta emancipazione, con una modernità solo apparente in una città che assomiglia di più ad un “Ospedale psichiatrico”, dove ciò che conta è apparire più che essere.

  1. Hoda Barakat – Malati d’amore (trad. dall’arabo di Samuela Pagani)

Al centro del romanzo Ahl al-hawa (titolo originale, letteralmente “La gente della passione”) c’è la follia, non come patologia mentale, ma come ribellione alla logica cieca del gruppo, e come incapacità di assemblare i ricordi. Anche nella scrittura di questa autrice è presente la guerra civile in Libano, i suoi effetti sul mondo interiore. Un libro che viaggia su più piani, a volte complesso ma che merita di essere letto!

  1. Ghassan Kanafani – Uomini sotto il sole (trad. dall’arabo di Isabella Camera D’Aflitto)

Un altro libro che risale al mio periodo universitario, consigliato dal professore ma letto con gran piacere. Un libro attuale, una storia che, purtroppo, si ripete negli anni ma con un’altra collocazione geografica.

  1. Mahmoud Darwish – Halat Hisar (Stato d’assedio)

Un autore a cui sono molto affezionata e un libro particolarmente importante per me, al centro della mia tesi triennale. Non ancora tradotto e pubblicato in Italia (a parte la mia traduzione!) ma voci più informate mi dicono che presto sarà pubblicato anche qui da noi…alhamdulillah!!! Se volete, potete leggerlo in francese: Etat de siège – traduzione di Elias Sanbar.

  1. Sonallah Ibrahim – La commissione (trad. dall’arabo di Paola Viviani)

Un libro che all’inizio disorienta un po’, difficile addentrarsi nell’atmosfera kafkiana così ben resa dallo scrittore egiziano. Tuttavia siamo difronte a un libro di grande valore, l’autore dipinge l’immagine dell’intellettuale alienato che nonostante le grandi facoltà mentali soccombe alle intimidazioni di un’autorità dispotica.

  1. Sahar Khalifa – La porta della piazza (trad. dall’arabo di Piera Redaelli)

Sullo sfondo dell’intifada palestinese, si intrecciano le storie e i destini delle donne del quartiere di Bab as-Saha (da cui il titolo), simbolo dell’intera Palestina. Sahar Khalifa è stata definita la più celebre scrittrice palestinese contemporanea.

  1. Fatima Mernissi – La terrazza proibita. Vita nell’harem (trad. dall’arabo di Rosa Rita D’Acquarica)

La sociologa marocchina in questo libro ci parla del contrasto fra tradizione e modernità nella società marocchina, dando spazio alla voce delle donne il cui desiderio di libertà cammina di pari passo con la difesa della propria cultura. Un libro che è anche una battaglia agli stereotipi, uno su tutti l’idealizzazione dell’harem.

  1. Ala al-Aswani – Palazzo Yacoubian (trad. dall’arabo di Bianca Longhi)

Un libro che mi rimanda al mio periodo cairota! Il Palazzo è un microcosmo, espediente letterario utilizzato dall’autore per dipingere l’immagine dell’Egitto moderno in piena crisi identitaria.

  1. Assia Djebar – Donne d’Algeri nei loro appartamenti (trad. dall’arabo di Gianfranco Turano)

Sullo sfondo di un secolo di storia (dall’ 800 fino ad arrivare agli anni dell’indipendenza), Djebar presenta le donne algerine in un insieme di pensieri, canti e grida che a volte stentano a venir fuori, schiacciate dal colonialismo e da una società patriarcale.

  1. Amara Lakhous – Scontro di civiltà per un ascensore a piazza vittorio

Una lettura scorrevole e simpatica, che porta agli occhi di tutti un tema di cui si parla tanto, a volte abusato e ovvio: il tema dell’immigrazione e la convivenza…ma con un tono semplice ed ironico.

___________________________

Continuate a mandarmi le vostre letture arabiste preferite. Ogni settimana le pubblicherò sul blog!

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...