video “Non sparisco dalla terra”: la Palestina delle piccole cose

Restiamo umani, diceva Vittorio Arrigoni. E con questa espressione l’attivista italiano, ucciso a Gaza lo scorso anno, voleva ricordare a tutti noi di non dimenticare che i palestinesi, in quanto prima di tutto esseri umani, hanno gli stessi diritti e doveri di tutti altri popoli sulla Terra, e non sono “solo” vittime o terroristi.

FotoFlexer_Photo 1Perchè cito Vittorio Arrigoni? Perchè sabato scorso ho assistito ad un reading di poesie e brani di narrativa arabo-palestinese molto particolare. È stato un reading essenziale, fatto di piccole cose: Non sparisco dalla terra, interpretato da Cam Lecce, Michelangelo Del Conte e Jörg Grünerte composto da brani di poesia e narrativa arabo-palestinese tradotti e scelti con meravigliosa cura da Wasim Dahmash, saggista, editore, docente e traduttore.

Il criterio della selezione utilizzato da Dahmash ha rispecchiato il motto di Vittorio Arrigoni: nei brani che si sono succeduti abbiamo potuto ascoltare, grazie alle parole degli scrittori, una Palestina fatta di piccole cose, dei piccoli gesti della vita quotidiana. La donna, raccontata da Samira Azzam, che fabbricava candele per cristiani e musulmani, il suonatore di campane di Ibrahim Nasrallah, fedele al proprio lavoro fino alla morte, la dolente nostalgia del pane, del caffè e della propria madre, sentita da Mahmoud Darwish.

Cam Lecce, che a fine spettacolo si è intrattenuta a parlare con il pubblico (scarno, troppo scarno! Romani dove eravate sabato sera? E i miei coetanei, dove stavano?), ci ha ricordato come Ibrahim Nasrallah, scrittore e poeta palestinese contemporaneo, avesse composto una poesia in memoria di Vittorio Arrigoni. Dal titolo più che significativo: “Hanno ucciso tutti”. È stata tradotta in italiano da Wasim Dahmash e la trovate a questo link. Ed è bellissima.

Su Non sparisco dalla terra non parlerò oltre perchè lo ha fatto molto meglio di me Alessandra Fabbretti su Arabismo.

Voglio condividere però le foto che ho scattato durante la serata e un breve video in cui Cam Lecce recita la poesia “Gaza”, di Samih al-Qasim. Il video non è perfetto perchè è registrato con una fotocamera digitale, ma spero renda ugualmente l’atmosfera raccolta ed intima che abbiamo vissuto quella sera. Sul canale Youtube del blog ne trovate un altro. Buon ascolto.

FotoFlexer_Photo 2  FotoFlexer_Photo 3

FotoFlexer_Photo 4

FotoFlexer_Photo b

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...